Muccassassina compie 30 anni! Dal 1990 la Mucca con la falce è sinonimo di creatività, avanguardia e comunità, bisogna esserci stati, almeno una volta nella vita. Muccassassina è un’esperienza immersiva.

Muccassassina compie 30 anni! Dal 1990 la Mucca con la falce è sinonimo di creatività, avanguardia e comunità.

La storia di Muccassassina è affascinante: nata come serata di autofinanziamento per i servizi e le attività del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli negli anni tremendi – e bisogna ricordarlo – dell’epidemia dell’Aids, è diventata in pochissimo tempo la rivalsa delle vittime sui loro carnefici. Una piccola, ma poi non tanto, comunità che si ritrova e si riconosce in un party dove la musica e l’immagine sono il codice.

Disco, House, techno, revival: tante e tanti dj di successo hanno affinato il loro talento sulla consolle di Mucca. E poi gli spettacoli, vere e proprie performance tra arte e teatro.“Ogni volta che salgo sul palco di Muccassassina per parlare come Presidente del Circolo Mario Mieli –  dichiara Sebastiano Secci – mi trovo davanti non dei semplici clienti, ma le anime della comunità Lgbt+ che considera quel folle gesto di interrompere la musica come un rito importante. Da lì lanciamo gli appuntamenti importante come il Pride, ricordiamo quanto sia importante combattere l’omolesbobitransfobia o lo stigma verso le persone in Hiv+. Diamo voce a tutte quelle realtà che hanno bisogno di uno spazio per far sentire la loro voce non importa se siano compagnie teatrali, associazioni, o movimenti. Quello che conta è il messaggio di rispetto, accoglienza e inclusione”.

Il tempo passa ma non scalfisce la sua natura. Muccassassina è ancora questo. Una produzione sempre contemporanea, attenta e complessa. Le drag queens, le performance acrobatiche e circensi, le coreografie, tutto va in scena secondo un rito che si ripete di serata in serata e che ogni volta si rinnova. Dalla prima direzione artistica di Giorgio Gigliotti a quella di Vladimir Luxuria fino a questa attuale di Diego Longobardi.

Muccassassina è una macchina complessa – ci ha raccontato Diego – ogni venerdì andiamo in scena con uno spettacolo nuovo e ogni volta deve farti dire wow più della volta prima, ma la tempo stesso devi avere quella sensazione di essere a casa e quindi devi essere riconoscibile. Un mix esplosivo che però è un grande stimolo a superarsi”.

Un occhio anche non troppo esperto non può non accorgersi di quanta preparazione tecnica c’è dietro. Ci sono i costumi: pensati e realizzati per ogni spettacolo sono il frutto del genio creativo di costume designers professionisti o di giovani talenti del mondo della moda. Le coreografie sono preparate secondo le ultime tendenze. E ci sono ancora scenografie, effetti speciali, light design, grafica, video produzione, contenuti multimediali.

C’è davvero una grande ricerca dietro: dagli stili che vanno per la maggiore a quelli più di nicchia. Non sbagliamo a dire che a Mucca si fa cultura e tanti sono gli ospiti eccellenti che sono venuti per esibirsi ma anche solo per divertirsi. Perché è vero. A Muccassassina bisogna esserci stati, almeno una volta nella vita. Muccassassina è un’esperienza immersiva. Che coinvolge tutti i sensi. Compreso il tatto, quello dei corpi liberi, che ballano, si sfiorano, si scoprono.

Il sesso non è mai stato un tabù, al contrario. La sessualità consapevole è l’obiettivo politico della serata, che conta sulle risorse del Circolo per fare informazione e prevenzione. Basta avvicinarsi ai volontari per avere preservativi e informazioni sui test e sulla salute. Muccassassina è orgogliosamente politica.

Per celebrare questo super compleanno venerdì 31 gennaio si terrà il party  “EPICO” tutte le informazioni le trovate qui

A proposito dell'autore

Post correlati